Medicina Manuale: cosa cura
Che cosa cura la Medicina Manuale ma anche che cosa non può curare sono risposte alle quali deve rispondere solo un medico. Le diverse tecniche a disposizione del Medico di Medicina Manuale sono rivolte al trattamento di disturbi dolorosi della colonna vertebrale ma anche degli arti e delle articolazioni. Sono dolori di origine benigna che spesso dai colleghi Medici non vengono riconosciuti come dolori di origine vertebrale riferiti a distanza. Corrispondono ai “dolori comuni” ad andamento cronico, ricorrente ed episodico, con cui i pazienti di ogni età convivono, rassegnati ad una sgradevole compagnia che ritengono obbligata. Tutti questi disturbi sono il bersaglio elettivo di una disciplina che, è giusto insistere, è Medicina e deve essere un’arma in mano solo ad un Medico. Infatti è solo dopo una valutazione accurata del disturbo, una visita attenta ed eventualmente esami successivi per chiarire eventuali dubbi diagnostici, che sarà possibile escludere malattie che non vanno curate dalla Medicina manuale!

La Medicina Manuale non è una Medicina Alternativa, ma semplicemente Medicina, tanto meno, Alternativa alla Medicina. Per esercitare tale disciplina, il Medico ha ricevuto una formazione specifica in Medicina Manuale. Guarire dal “mal di schiena” il più rapidamente possibile e prevenirne le ricadute, sono i problemi a cui, oggi più che mai, è chiamato a rispondere il Medico Manuale. Dopo un approfondito esame clinico tradizionale ed uno specifico esame pre-manipolativo, egli saprà se una Manipolazione Vertebrale, potrà giovare al paziente. La nostra colonna vertebrale è un capolavoro di biomeccanica. Milioni d’anni di evoluzione l’hanno strutturata, modellata, plasmata nelle sue curve e resa dinamica. E’ il più sofisticato attrezzo meccanico che l’uomo possiede, che ci permette qualunque azione, anche la più audace. Le conseguenze sociali del “mal di schiena” sono tante: i dolori vertebrali sono veramente il male del secolo ed affliggono tre persone su quattro. Almeno una volta nella vita, noi tutti avremo a che fare con almeno un episodio di dolore alla colonna: una vera e propria epidemia! Per questo è importante che una fascia di Medici sempre più ampia sia interessata a questa disciplina. Una volta escluse le origini infettive, infiammatorie e tumorali del dolore (ecco perché Medicina), le Manipolazioni curano tutti quei dolori benigni di natura meccanica; sono i dolori comuni, reversibili che possono originare da eventi accidentali della vita quotidiana, quali colpi d’aria, cattive posizioni, posture lavorative scorrette, traumi, sforzi occasionali ed errati movimenti.

Ma cosa si può curare con le Manipolazioni?
• lombalgia (il comune mal di schiena)
• dolori cervicali (la cosiddetta “cervicale”, associato o meno a vertigini, nausea, vomito)
• mal di testa (frequentemente di origine cervicale)
• dolori interscapolari e dorsali
• distorsioni vertebrali e le distorsioni costali
• ronzii all’orecchio, certi dolori mandibolari
• dolori alla spalla anche con limitazioni dolorose dei movimenti
• falsi dolori dell’anca
• pseudo-dolori al ginocchio e pubalgia
• sciatiche “false”(dolori agli arti inferiori erroneamente riferiti al nervo sciatico)
• dolori tendinei (che spesso non sono infiammazioni)
• dolori all’addome con esami e indagini ripetutamente negativi
• falsi dolori di origine ginecologica
• dolori al torace (che allarmano il paziente ma di cui il cardiologo ha escluso l’origine cardiaca)

Questo ed altro ancora si può curare con le Manipolazioni e con tutti gli altri strumenti terapeutici che il Medico Manuale possiede nella sua “borsa degli attrezzi”, quali il massaggio, gli stiramenti, le mobilizzazioni, le trazioni, le tecniche di stiramento muscolare (miotensive). In caso di insuccesso solo il Medico potrà attingere anche dal suo arsenale terapeutico classico (antinfiammatori, infiltrazioni, presidi ortopedici ed ortesi).

Vi sono però dolori che per le loro caratteristiche, il momento di insorgenza e/o le cause che quotidianamente, con una certa regolarità li fanno insorgere, possono essere riconosciuti solo dal Medico come di origine sospetta o non di natura muscolo-scheletrica. Malattie tumorali, metastasi alle ossa o in altra sede, possono sembrare, specie all’inizio, dei dolori comuni, anche se per fortuna le cause maligne sono estremamente più rare. Anche i disturbi cardiocircolatori possono manifestarsi come un dolore intercostale o alla spalla. Per la complessità dei disturbi e delle cause che possono esserne all’origine è evidente che solo il medico può porre un sospetto diagnostico e la cura più sicura.

La medicina nelle mani dei medici
Dott. Asero Giovanni
Vice-Presidente SIMeMM