Perché una Società di Medici per la Medicina Manuale
Chi, se intervistato in Italia, non saprebbe cosa rispondere alla domanda: “ …ha mai sentito parlare della Chiropratico e dell’ Osteopatia?“
Ma quanti cittadini sanno chi e cosa sono un Chiropratico o un Osteopata? Spesso la risposta è che “..sono dei dottori particolarmente specializzati…” Dei dottori, cioè dei Medici?
Lo spirito che ci ha spinto a costituire la Società Italiana dei Medici di Medicina Manuale, il SIMeMM, è di promuovere e difendere questa disciplina nell’ambito della professione medica, in un momento in cui esiste il rischio che nuove figure in ambito non medico svolgano abusivamente una professione che è esclusiva della Medicina, con danno prima del cittadino paziente che degli interessi professionali dei Medici esperti in questa branca.
A tutt’oggi non esiste in Italia alcun riconoscimento normativo né un profilo professionale per figure che in altri paesi, con sistemi assistenziali diversi, stentano ad ottenere il rimborso per le loro prestazioni.
In Italia il numero di praticanti non medici di terapie manuali al di fuori della Medicina, sta via via crescendo e proporzionalmente anche il numero di prestazioni e i rischi per il paziente che vi si sottopone, inconsapevole perché non informato spesso dal suo Medico di famiglia se non addirittura dallo Specialista della differenza tra un Medico e queste figure. L’equivoco è di pensare a certe pratiche come “medicine alternative” mentre è certo che si tratta di rischiose “alternative alla Medicina “.
Il SIMeMM promuove la Medicina Manuale presso la classe medica, fornendo assistenza e servizi ai Medici Esperti associati (nell’Area Medici) e l’informazione al Cittadino in questo settore nella certezza che la tutela dell’interesse professionale dei Medici coincide con la tutela della sicurezza del Paziente: la Medicina nelle mani dei medici